Ippica e turismo, un binomio da coltivare maggiormente

Ippica e turismo, un binomio da coltivare maggiormente

Nei quattro giorni di apertura di Fieracavalli, accordo degli addetti ai lavori sulla necessità di promuovere gli ippodromi come luoghi di attrazione turistica.

Con la giornata di ieri si è chiusa la 122° edizione di Fieracavalli, all’interno della quale segnaliamo per quanto riguarda principalmente il settore in cui operiamo, l’ampio spazio dedicato all’ippica promosso dal contenitore “Final Furlong”.

Come anticipato su questo sito, l’intervento del DG di HippoGroup Cesenate Marco Fabio Rondoni pianificato nella sezione Agorà dell’ippica giovedì 7 novembre, riguardava in particolare il valore turistico e promozionale degli ippodromi estivi, argomento sviluppato anche il giorno successivo all’interno del Forum Internazionale dell’ippica, convegno organizzato sempre sotto l’egida di Final Furlong. In tema capacità attrattiva degli ippodromi, è intervenuto anche uno degli ospiti internazionali invitati al convegno, il Presidente de la Société des Courses de la Côte d’Azur – Ippodromo di Cagnes sur Mer François Forcioli Conti. Nel suo speech Forcioli Conti ha confermato come in Francia vi sia, da parte delle istituzioni che gestiscono località turistiche come quella in cui sorge il suo ippodromo (la splendida Costa Azzurra ndr), fiducia nei confronti dell’interesse turistico che possono generare questi impianti. Attitudine che non sembra essere del tutto condivisa da chi deve effettuare scelte politiche di marketing turistico nel Nostro Paese.

Rondoni ribadisce a riguardo: “nel caso dell’ippodromo di Cesena, l’impianto è vissuto come completamento dell’offerta turistica in Riviera anche grazie alle collaborazioni allacciate in autonomia da parte della nostra Società, con le associazioni di albergatori di diverse realtà costiere. All’estero però, sono le stesse amministrazioni pubbliche che investono sugli ippodromi e che credono nella loro capacità di attrarre turismo; in Italia tutto è lasciato alle risorse delle singole Società di gestione che spesso sono molto ridotte. Ci si auspica che la situazione possa migliorare in questo ambito. Diversificare sempre più l’offerta di intrattenimento, non può che essere un’arma in più a vantaggio del marketing turistico di area.

Il dibattito sul binomio ippica e turismo animato anche dalla posizione di HippoGroup, è stato ripreso dalla nostra stampa locale, l’edizione di Cesena della testata Il Resto del Carlino riporta oggi per la firma del giornalista Paolo Morelli i punti salienti dell’intervento del DG Rondoni. E’ stato realizzato in merito anche un servizio dalla redazione dell’emittente Teleromagna che vi proponiamo sotto.